Certe volte il meno e meglio.

Pubblicato il 14/01/2017

Protesi Parziale del Ginocchio, certe volte il meno è meglio.

L’artrosi è una patologia degenerativa delle articolazioni, in buona sostanza una usura delle articolazioni che si perpetua nel tempo. Può coinvolgere diverse articolazioni ed in particolare quando parliamo del ginocchio viene definita come Gonartrosi. Oggi abbiamo diversi trattamentI per prevenire e trattarla, come la terapia medica, le infiltrazioni articolari con cellule staminali e la chirurgia di conservazione del’ articolazione. Quando il dolore diventa persistente e compromette significativamente la qualità di vita di una persona il trattamento definitivo e quello della protesi articolare.

La protesi del ginocchio consiste nel ricostruire chirurgicamente una articolazione nuova sostituendo la parte malata del articolazione sia a livello femorale che a livello tibiale ed eventualmente anche la rotula.

L’obiettivo di questo trattamento e di creare una articolazione senza dolore con buona attività funzionale che permette al paziente di tornare alle sue attività quotidiane

Si effettuano ormai più di 170.000 interventi all’anno tra protesi dell’anca e protesi del ginocchio. Dati accertati nel lungo periodo hanno confermato che la protesi dell’anca ha degli ottimi risultati con una sopravvivenza pari al 97% oltre i 20 anni.

La protesi totale del ginocchio produce buoni risultati ma un 30% dei pazienti operati rileva delle aspettative migliori.

La domanda a questo punto nasce spontanea:

Perché le protesi del ginocchio non hanno gli stessi risultati delle protesi dell’anca?

Le risposte possono essere diverse considerando la complessità dell’anatomia del ginocchio, ma è importante sottolineare che le indicazioni devono essere rigorose.

Fa riflettere uno studio dell’Università di Oxford in base al quale in quasi l’80% dei casi viene indicata una protesi parziale invece di una protesi totale del ginocchio.

Perché la protesi parziale è meglio di una protesi totale?

Il paziente che ha effettuato una protesi parziale ha un recupero più veloce, una migliore mobilità

ed un rischio decisamente più basso circa l’insorgenza di un’eventuale infezione considerando che l’incisione è mini-invasiva e l’intervento più veloce.

Qual è la differenza tra una protesi totale ed una protesi parziale?

Con la protesi totale viene sostituito tutto il ginocchio e vengono rimossi alcuni legamenti.

Con la protesi parziale invece viene sostituita una parte del ginocchio e vengono

mantenuti legamenti quale il crociato anteriore, fondamentale per un movimento naturale

del ginocchio.

Chi è idoneo per una protesi parziale del ginocchio?

Direi che il segreto del successo di questo intervento è la corretta indicazione.

E’ indispensabile una valutazione obiettiva fornita da un chirurgo Ortopedico che abbia esperienza in questo tipo di protesi: egli valuta la stabilità del ginocchio e l’estensione dell’artrosi con specifiche proiezioni radiografiche.